facebook   instagram    youtube

Lunedì, 07 Ottobre 2019 17:02

Il Circolo La Scaletta e gli Ipogei Motta tra le aperture straordinarie delle giornate FAI d’autunno 2019

La straordinaria avventura dello storico sodalizio materano sarà raccontata dagli apprendisti ciceroni il 12 e 13 ottobre, nell’ambito delle giornate FAI d’autunno 2019.

L’evento nazionale, giunto quest’anno all’ottava edizione, si svolge sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica Italiana, con il Patrocinio e la collaborazione della RAI.

Le aperture straordinarie previste a Matera, in raccordo con alcuni Comuni della sua Provincia afferenti alla Delegazione, propongono non soltanto il racconto dei luoghi, ma anche quello dei protagonisti della storia e della cultura del nostro Paese.

IL CIRCOLO “LA SCALETTA” – 60 ANNI PER LA CULTURA A MATERA
Via Sette Dolori, 10

Apertura: Sabato: 09:30 – 13:30 / 15:30 – 18:30 

Ultimo ingresso mattino ore 13.00 Ultimo ingresso pomeriggio ore 18

Domenica: 09:30 – 13:30 / 15:30 – 18:30            

Ultimo ingresso mattino ore 13.00  Ultimo ingresso pomeriggio ore 18.00

Descrizione: Il Circolo La Scaletta è un’associazione culturale impegnata da sessant’anni nella conservazione e valorizzazione del patrimonio storico, artistico e ambientale di Matera e del territorio lucano. Nasce nel 1959 dall’intuizione di un gruppo di ragazzi animati dalla convinzione di non essere figli di una città immersa nella miseria, ma di un luogo ricco di storia, che poteva diventare una grande risorsa per tutta la comunità. Inizia così un’infaticabile e appassionata attività di ricerca, documentazione, tutela e promozione del territorio, che ha innescato una “rivoluzione culturale” in grado di capovolgere il destino di una città, oggi Capitale europea della cultura. Palazzo Bronzini nel Sasso Barisano è la sede del circolo, dove i soci negli anni ’70 decisero di trasferire la vita culturale della città per ridare vita ai Sassi dopo lo spopolamento avvenuto a metà degli anni ’50. L’edificio, che risale al XVII secolo, conserva tracce di affreschi eseguiti alla fine del Seicento.

Tra i siti selezionati per le aperture straordinarie vi saranno anche gli Ipogei Motta, via San Bartolomeo 46, che ospitano la mostra collettiva di arte spagnola contemporanea nell’ambito dell’iniziativa “La Cultura è Capitale”

ARTE SPAGNOLA NEGLI IPOGEI MOTTA PER FAI PONTE TRA CULTURE-LA CULTURA E’ CAPITALE 2019

Via San Bartolomeo, 46

Apertura: Sabato: 09:30 – 13:30 / 15:30 – 18:30

Ultimo ingresso mattino ore 13.00 – Ultimo ingresso pomeriggio ore 18.00
Domenica: 09:30 – 13:30 / 15:30 – 18:30

Ultimo ingresso mattino ore 13.00 – Ultimo ingresso pomeriggio ore 18.00

 

Descrizione: GFA 2019 per “FAI ponte tra culture” incontra il progetto “La cultura è capitale”, che presenta una mostra collettiva delle opere di sei artisti spagnoli nello storico complesso degli Ipogei Motta. L’ingresso originario, con il suo portale seicentesco, mostra ancora la struttura di casa a corte con scala esterna che saliva al piano padronale, mentre al piano terra vi erano il trappeto, le stalle, la cantina e i depositi. Profonde scalinate portano alle zone di invecchiamento del vino, di conservazione dell’olio e di stagionatura di prodotti. Nella parte centrale vi è la molazza: macchina a trazione animale con tre ruote in pietra; sul retro è invece la stalla e una caditoia per le olive. L’area della spremitura presenta ancora incavi di travi e pilastri per i torchi.

Iniziative Speciali

Mostra collettiva “La Cultura è Capitale 2019”, promossa dall’Ufficio culturale dell’Ambasciata di Spagna in Italia. L’Ambasciata di Spagna pone al centro della sua attività di promozione culturale l’allestimento di mostre di arte contemporanea, tese a favorire l’incontro degli artisti spagnoli con l’Italia e più in generale a contribuire al dialogo Italia-Spagna, coinvolgendo discipline che vanno dalla letteratura, al teatro, dalla danza contemporanea, alla fotografia, alla pittura. Data l’importanza della città di Matera Capitale Europea della Cultura 2019 e Patrimonio mondiale dell’UNESCO, l’Ambasciata di Spagna in Italia ha inteso contribuire alla proposta culturale della città, con la progettazione di una mostra collettiva di artisti spagnoli. L’Ambasciata di Spagna ha organizzato la mostra in collaborazione con Fondazione con il Sud, Consorzio La Città Essenziale e Cooperativa per Servizi Culturali “Maecenatis – Arch. Beniamino Contini” Opere esposte Fotografie di: Salvador Arellano (Mutilva, Navarra), Blai Tomàs Bracquart (Mallorca, 1983), Begoña Zubero (Bilbao, 1962). Opere pittoriche di: Esteban Villalta Marzi (Roma, 1956), Gonzalo Orquín (Sevilla, 1982), Ignacio Goitia (Bilbao, 1968).

Social

facebook     instagram     youtube

newsletter

 

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notizie dal Circolo "La Scaletta" sulla tua posta elettronica.