L'attesa per Matera inCanta Dante è terminata. Il 2, 3 e 4 ottobre i 400 cantori reclutati porteranno in scena per la prima volta a Matera le tre cantiche della Divina Commedia, così suddivise:
- venerdì 2 ottobre : h. 19,00 - 23,30 Ipogei di piazza Vittorio Veneto, l'INFERNO 
- sabato 3 ottobre : 16,00 - 20,30 Piazza Pascoli , il PURGATORIO 
- domenica 4 ottobre : 9,00 - 13,00 Piazza San Pietro Caveoso, il PARADISO.    
   
La lettura diffusa della Divina Commedia costituisce la prima iniziativa del comitato promotore club UNESCO Matera in collaborazione con il Circolo La Scaletta, la Società Dante Alighieri, il Comune di Matera e la Regione Basilicata. Giungeranno a Matera per l'evento Enrique Irazoqui, l'attore che interpretò Gesù nel film 'Il Vangelo secondo Matteo' di Pier Paolo Pasolini, e Davide Rondoni, poeta di fama internazionale, nonché coordinatore scientifico e letterario dell'iniziativa. Inoltre, sono stati registrati video che verranno proiettati durante la manifestazione, nei quali Fernando Arrabal, regista, Consuelo Mangifesta, pallavolista, Vittorio Sgarbi,  giornalista e scrittore, Dino Paradiso, comico, declamano alcune terzine della Commedia.

Nell'anniversario dei 750 anni dalla sua nascita, il Sommo Poeta, riconosciuto come parte integrante del patrimonio culturale mondiale, rivivra' tra i coni rovesciati, nel saliscendi perpetuo degli antichi rioni Sassi grazie a 400 cantori dilettanti e professionisti, che, dopo la preparazione col regista Franco Palmieri e il Professore Antonio Montemurro, realizzeranno l'intento primario di Dante : portare l'opera per le strade. Tale fine si coniuga con quello del Comitato che vuole costruire una cultura partecipata, sostenibile e trasformativa, portando a vessillo i principi cardine dell’Unesco : costruire la pace attraverso le arti, la cultura e la conoscenza.

Per l'iniziativa si prega di consultare la pagina fb 'Comitato Promotore Unesco  Matera' e il sito: 
http://cpclubunescomatera.wix.com/cpclubunescomatera
Twittare @MTinCantaDante.  
Utilizzare l'hashtag #MaterainCantaDante
 
Screenshot 2015-09-26-01-18-50

sammarcoCOMUNICATO STAMPA

 

LA SCALETTA PRESENTA I DAUNI : UN MITO NEL MEDITERRANEO

Sabato 26 Settembre, ore 18:30,  presso il Circolo, in via Sette Dolori 10, verrà inaugurata la mostra dell’artista pugliese Franco Sammarco.

E’ dedicata al mito dell’antica Daunia l’esposizione di opere pittoriche e installazioni realizzate dall’architetto e pittore autodidatta, Franco Sammarco. La mostra potrà essere ammirata dal 26 settembre al 15 ottobre 2015, presso la sede del Circolo “La Scaletta”, in via sette dolori, Matera, dalle 10.00-13.30 e dalle 16.30-19.30. L’ artista, originario di Manfredonia (FG) , ha scelto la suggestiva cornice dei Sassi per allestire la personale intitolata “I Dauni: un mito nel Mediterraneo”, realizzata in occasione dei quaranta anni di attività artistica e della designazione di Matera a Capitale europea della Cultura 2019.

Sammarco da cinque lustri rende omaggio alla sua terra natale con cicli pittorici dedicati alle stele daunie, antiche lastre calcaree che raffigurano il vissuto di condottieri, navigatori e cacciatori, un unicum a livello archeologico, caratteristico delle terre di Capitanata, con ritrovamenti anche in Basilicata. Un lavoro intenso e appassionato che gli ha permesso di ottenere ottimi riscontri da parte della critica e del pubblico per l’interpretazione geniale delle stele, l’immediatezza, la freschezza e la pulizia delle immagini.

Tra le opere esposte al Circolo “La Scaletta” ricordiamo due quadri dedicati alla città dei Sassi “Cava materana”, acrilico su tela cm 50X 60, “Via Duomo, omaggio a Matera 2013”, tecnica mista su cartone, tele ispirata all’antico popolo dei Dauni  “Cavallo dauno” olio su tela cm 60X60, “Vasi dauni in riva all’ Adriatico”, olio e acrilico su tela, cm 100X80 e un omaggio alla mitologia greca con “Il lamento degli amanti –Ettore e Andromaca” (omaggio a De Chirico) tecnica mista su cartone cm 35, 5 X 60  e  “L’inganno : il cavallo di Troia” –Studio, cm 100X100.

L’artista pugliese, noto anche livello internazionale per i suoi poliedrici lavori artistici, insignito dall’Accademia “Italia delle Arti e del Lavoro” con medaglia d’oro per l’impegno profuso nel campo delle arti, sarà presente al vernissage della mostra, che si terrà sabato 26 settembre alle ore 18.30,per offrire ai suoi ospiti un vero e proprio “viaggio nel tempo e nel mito”, accompagnati dalle note musicali del maestro sassofonista Matteo Marasco.

L’ evento, coordinato dalla dott.ssa Miriam Silvia Petruzzi, è patrocinato da: Parco Nazionale del Gargano, Provincia di Foggia, Comune di Manfredonia, Comune di Matera, Fondazione Basilicata- Matera 2019, in collaborazione con  Italia Nostra – sezione Terre dell’Angelo, cantine Teanum di San Severo e il caseificio Il Parco di San Giovanni Rotondo.

Ingresso libero

Matera, 24 Settembre 2015

Per informazioni

Circolo “La Scaletta”

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  0835.336726

Ufficio stampa La Scaletta

Milena Manicone  e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

329.7144199

 

 NOTE BIOGRAFICHE FRANCO SAMMARCO

Franco Sammarco, autodidatta, nasce a Manfredonia(Fg) nel 1954. Inizia a dipingere sul finire degli anni Sessanta legando le sue prime esperienze al realismo, ad una pittura paesaggistica e figurativo tradizionale. Inizia ad esporre giovanissimo, ma a Viareggio, nel ’73, si presenta al grande pubblico ottenendo il suo primo riconoscimento ufficiale in occasione del IV Trofeo “La Spiga”, con una natura morta improntata sul figurativo moderno. Da questo momento approfondisce le sue capacità naturali,proseguendo ed affinando la sua nuova pittura, dedicandosi in modo particolare alla ricerca di un’identità artistica. Partecipa su invito a collettive e rassegne d’arte in varie città italiane ed estere .Le sue opere figurano in numerose collezioni in Italia, in Europa e nelle Americhe. Dal 1972 al 1978 ,dopo aver preso parte ad alcune rappresentazioni teatrali, ha collaborato come scenografo del gruppo G.A.D.-ARCI “Amici dell’arte” di Manfredonia. Nel settembre del ’79 , a Salsomaggiore Terme, viene nominato accademico dell’Accademia Italia delle Arti e del Lavoro e riceve una medaglia d’oro per la particolare attività svolta nel campo delle arti. Dopo la laurea in Architettura presso l’Università degli Studi di Firenze si interessa di Beni culturali e di problematiche territoriali. Nel 1993 dedica una mostra di pittura e ceramiche al celebre archeologo Silvio Ferri, scopritore delle stele daunie. Dopo il successo di questa mostra, la Galleria d’Arte Moderna “Alba”di Ferrara presenta Franco Sammarco alla Fiera Internazionale d’Arte Contemporanea “Artexpo –New York (Usa) ; la stessa galleria nel corso del 1995 ospita una sua mostra personale.  A seguito di esperienze vicine all’archeologia, tra il 1996 e il 1997 allestirà  la mostra “ Sulle onde…dei Dauni”, realizzando alcune installazioni con cordami, remi di vecchie imbarcazioni, ancore, reti da pesca, plastici con riproduzioni di scavi, oltre ad esporre oli e acrilici e alcune riproduzioni fuori scala di stele e vasi dauni in ceramica.

 

Dal dicembre 1998  è Capo Servizio del settore opere pubbliche del Comune di Manfredonia .

 

Nel marzo 2003 in Costa Azzurra gli viene assegnato il 1°Prix du Comitè d’exposition e invitato ad  ART Cannes “Salon International de Peinture et de Sculpture“ al Palais des Festivals di Cannes.

 

“Tele e pietre” è il titolo della personale tenuta nel 2004 a Manfredonia e nel 2005 a Stoccarda, in Germania, con l’Istituto italiano di cultura e il GAL Daunofantino.

 

Nel 2011 partecipa alla 2° Collettiva Nazionale di pittura organizzata dall’Associazione Culturale Diomedes di Manfredonia,allestita presso Palazzo San Domenico, per i 150 anni dell’Unità d’Italia. “Gli strumenti musicali e la natura morta” è il titolo della personale realizzata nel 2013 in occasione dell’XI Festival Internazionale di Chitarra- Città di Manfredonia, quale omaggio ai grandi artisti protagonisti del ‘900.

 

COMUNICATO STAMPA

 

LA SCALETTA PRESENTA I DAUNI : UN MITO NEL MEDITERRANEO

Sabato 26 Settembre, ore 18:30,  presso il Circolo, in via Sette Dolori 10, verrà inaugurata la mostra dell’artista pugliese Franco Sammarco.

E’ dedicata al mito dell’antica Daunia l’esposizione di opere pittoriche e installazioni realizzate dall’architetto e pittore autodidatta, Franco Sammarco. La mostra potrà essere ammirata dal 26 settembre al 15 ottobre 2015, presso la sede del Circolo “La Scaletta”, in via sette dolori, Matera, dalle 10.00-13.30 e dalle 16.30-19.30. L’ artista, originario di Manfredonia (FG) , ha scelto la suggestiva cornice dei Sassi per allestire la personale intitolata “I Dauni: un mito nel Mediterraneo”, realizzata in occasione dei quaranta anni di attività artistica e della designazione di Matera a Capitale europea della Cultura 2019.

Sammarco da cinque lustri rende omaggio alla sua terra natale con cicli pittorici dedicati alle stele daunie, antiche lastre calcaree che raffigurano il vissuto di condottieri, navigatori e cacciatori, un unicum a livello archeologico, caratteristico delle terre di Capitanata, con ritrovamenti anche in Basilicata. Un lavoro intenso e appassionato che gli ha permesso di ottenere ottimi riscontri da parte della critica e del pubblico per l’interpretazione geniale delle stele, l’immediatezza, la freschezza e la pulizia delle immagini.

Tra le opere esposte al Circolo “La Scaletta” ricordiamo due quadri dedicati alla città dei Sassi “Cava materana”, acrilico su tela cm 50X 60, “Via Duomo, omaggio a Matera 2013”, tecnica mista su cartone, tele ispirata all’antico popolo dei Dauni  “Cavallo dauno” olio su tela cm 60X60, “Vasi dauni in riva all’ Adriatico”, olio e acrilico su tela, cm 100X80 e un omaggio alla mitologia greca con “Il lamento degli amanti –Ettore e Andromaca” (omaggio a De Chirico) tecnica mista su cartone cm 35, 5 X 60  e  “L’inganno : il cavallo di Troia” –Studio, cm 100X100.

L’artista pugliese, noto anche livello internazionale per i suoi poliedrici lavori artistici, insignito dall’Accademia “Italia delle Arti e del Lavoro” con medaglia d’oro per l’impegno profuso nel campo delle arti, sarà presente al vernissage della mostra, che si terrà sabato 26 settembre alle ore 18.30,per offrire ai suoi ospiti un vero e proprio “viaggio nel tempo e nel mito”, accompagnati dalle note musicali del maestro sassofonista Matteo Marasco.

L’ evento, coordinato dalla dott.ssa Miriam Silvia Petruzzi, è patrocinato da: Parco Nazionale del Gargano, Provincia di Foggia, Comune di Manfredonia, Comune di Matera, Fondazione Basilicata- Matera 2019, in collaborazione con  Italia Nostra – sezione Terre dell’Angelo, cantine Teanum di San Severo e il caseificio Il Parco di San Giovanni Rotondo.

Ingresso libero

Matera, 24 Settembre 2015

Per informazioni

Circolo “La Scaletta”

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  0835.336726

Ufficio stampa La Scaletta

Milena Manicone  e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

329.7144199

 

NOTE BIOGRAFICHE FRANCO SAMMARCO

Franco Sammarco, autodidatta, nasce a Manfredonia(Fg) nel 1954. Inizia a dipingere sul finire degli anni Sessanta legando le sue prime esperienze al realismo, ad una pittura paesaggistica e figurativo tradizionale. Inizia ad esporre giovanissimo, ma a Viareggio, nel ’73, si presenta al grande pubblico ottenendo il suo primo riconoscimento ufficiale in occasione del IV Trofeo “La Spiga”, con una natura morta improntata sul figurativo moderno. Da questo momento approfondisce le sue capacità naturali,proseguendo ed affinando la sua nuova pittura, dedicandosi in modo particolare alla ricerca di un’identità artistica. Partecipa su invito a collettive e rassegne d’arte in varie città italiane ed estere .Le sue opere figurano in numerose collezioni in Italia, in Europa e nelle Americhe. Dal 1972 al 1978 ,dopo aver preso parte ad alcune rappresentazioni teatrali, ha collaborato come scenografo del gruppo G.A.D.-ARCI “Amici dell’arte” di Manfredonia. Nel settembre del ’79 , a Salsomaggiore Terme, viene nominato accademico dell’Accademia Italia delle Arti e del Lavoro e riceve una medaglia d’oro per la particolare attività svolta nel campo delle arti. Dopo la laurea in Architettura presso l’Università degli Studi di Firenze si interessa di Beni culturali e di problematiche territoriali. Nel 1993 dedica una mostra di pittura e ceramiche al celebre archeologo Silvio Ferri, scopritore delle stele daunie. Dopo il successo di questa mostra, la Galleria d’Arte Moderna “Alba”di Ferrara presenta Franco Sammarco alla Fiera Internazionale d’Arte Contemporanea “Artexpo –New York (Usa) ; la stessa galleria nel corso del 1995 ospita una sua mostra personale.  A seguito di esperienze vicine all’archeologia, tra il 1996 e il 1997 allestirà  la mostra “ Sulle onde…dei Dauni”, realizzando alcune installazioni con cordami, remi di vecchie imbarcazioni, ancore, reti da pesca, plastici con riproduzioni di scavi, oltre ad esporre oli e acrilici e alcune riproduzioni fuori scala di stele e vasi dauni in ceramica.

 

Dal dicembre 1998  è Capo Servizio del settore opere pubbliche del Comune di Manfredonia .

Nel marzo 2003 in Costa Azzurra gli viene assegnato il 1°Prix du Comitè d’exposition e invitato ad  ART Cannes “Salon International de Peinture et de Sculpture“ al Palais des Festivals di Cannes.

“Tele e pietre” è il titolo della personale tenuta nel 2004 a Manfredonia e nel 2005 a Stoccarda, in Germania, con l’Istituto italiano di cultura e il GAL Daunofantino.

Nel 2011 partecipa alla 2° Collettiva Nazionale di pittura organizzata dall’Associazione Culturale Diomedes di Manfredonia,allestita presso Palazzo San Domenico, per i 150 anni dell’Unità d’Italia. “Gli strumenti musicali e la natura morta” è il titolo della personale realizzata nel 2013 in occasione dell’XI Festival Internazionale di Chitarra- Città di Manfredonia, quale omaggio ai grandi artisti protagonisti del ‘900.

 

MATERA INCANTA DANTE
I edizione 2-3-4 Ottobre 2015
 
Iniziate lunedì 21 settembre le prove per "Matera inCanta Dante" alla presenza del regista Franco Palmieri e del prof. Antonio Montemurro di Talìa Teatro, rispettivamente direttore e aiuto direttore artistico della manifestazione. Terminata la fase di assegnazione delle terzine , I cantori della Divina Commedia saranno ora protagonisti delle prove generali, dove potranno essere ascoltati- divisi per gruppi e canti- ed aiutati nella preparazione alla lettura dell'opera dantesca. Teatro delle prove l'ex ospedale di San Rocco in piazza San Giovanni, divenuto ormai quartiere generale dell'evento, dove si sono tenuti gli incontri di avvicinamento alla Divina Commedia con spettacoli e lectio magistralis e dove fino al 5 ottobre prosegue la mostra dell'artista fiorentino Marco Rindori 'Matera inCanta Dante', che sta riscuotendo consensi sia locali che internazionali. I cantori - ormai sulla soglia dei quattrocento- saranno assistiti e coadiuvati nelle prove dai ragazzi del Gruppo Giovani del Circolo "La Scaletta", da due anni ormai animatori e protagonisti di questo percorso di crescita e orgoglio di appartenenza alla propria città. Le prove andranno avanti fino al 1 ottobre , giorno della presentazione ufficiale dell'evento alla presenza dei soggetti promotori della iniziativa, Il C.P. UNESCO Matera con il Club UNESCO di Ginosa, il Circolo La Scaletta e la Società Dante Alighieri, oltre le autorità del Comune e della Regione che hanno creduto in questo progetto sostenendolo e incoraggiandone la realizzazione, e con l 'interpretazione del monologo dell'attore Ulderico Pesce "Ulisse mancato. il viaggio di Omero, Dante e Carlo Levi a Matera", da lui stesso scritto appositamente per MaterainCanta Dante.
MATER@MYTHOS –L’ARTE DI VIVERE UNA VITA CHE VALE
 
 

A novembre si svolgerà l’evento emozionale dedicato alla bellezza arcana e autentica del patrimonio rupestre della Città dei Sassi. Un luogo ideale per diffondere modelli di comportamento eticosostenibili, attraverso l’armonia dell’arte.

Questa mattina, presso il Comune di Matera, l’assessore alla Politiche sociali Marilena Antonicelli ha incontrato  Tomangelo Cappelli dell’ Ufficio Sistemi culturali e turistici  della Regione Basilicata e coordinatore del progetto Mater@Mythos. Un primo incontro operativo con alcuni rappresentanti di enti e associazioni, tra cui il Circolo “La Scaletta”, Confesercenti, Camera di Commercio, Istituto comprensivo “G. Pascoli” e l’Istituto d’istruzione superiore “I. Morra” di Matera, che a novembre parteciperanno attivamente all’evento emozionale Mater@Mythos, “l’Arte di Vivere una Vita che Vale”. Un evento che punta dritto al cuore della Vita, evocando la potenza arcana e autentica di Matera, nell’incanto mitologico del racconto.  Come suggerisce l’origine etimologica del nome Matera, da Mater: madre, la prima parola pronunciata da ogni essere umano, simbolo dell’amore puro e assoluto, accompagnata dal termine greco Mythos, che originariamente è parola e solo in seguito assume il significato di narrazione e racconto.

  Una parata di gioia e creatività attraverserà le strade principali del centro cittadino, per concludersi presso il complesso rupestre di San Nicola dei Greci e Madonna delle Virtù. I protagonisti saranno i ragazzi delle scuole di ogni ordine e grado della regione, che, insieme ai Giovani della Scaletta, si esibiranno in performance musicali, canti, balli e piece teatrali. I negozianti saranno coinvolti attivamente nell’evento attraverso l’esposizione di alcune massime motivazionali e aforismi presso le loro vetrine, pensieri che invitano a riflettere sul principio universale dell’amore. L’amore è la fonte d’ispirazione dell’evento, che ha come obiettivo l’educazione dei giovani alla bellezza, per renderli attori principali della rinascita sociale ed economica, con la diffusione di stili di vita eticosostenibili, attraverso la valorizzazione del patrimonio artistico e culturale . L’evento costituirà anche l’occasione per festeggiare il grande successo ottenuto con la designazione di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, che offre alla Basilicata la possibilità di far conoscere le meraviglie di un patrimonio architettonico e culturale unico al mondo.

La coloratissima parata proseguirà verso la sede del Circolo “La Scaletta”, per riannodare i fili della memoria e riconnettere le nuove generazioni con la storia della città, dove sarà possibile ammirare una mostra fotografica sul rapporto tra architettura e valori etici nella città di Matera.  Con riferimento al celebre premio nazionale, che l’INARCH (Istituto nazionale d’Architettura) allora presieduta da Bruno Zevi, conferì nel 1966 al Circolo, per l’impegno profuso nella conservazione e la valorizzazione del patrimonio architettonico. L’ultima tappa si svolgerà presso il complesso rupestre di San Nicola dei Greci e Madonna delle Virtù, dove sarà possibile visitare la mostra interattiva sul Patrimonio rupestre, con la presentazione di progetti multimediali a cura delle scuole e dell’INARCH. Un primo appuntamento che introduce il progetto interregionale di Sviluppo Turistico, coordinato dalla Regione Puglia e Regione Basilicata “Itinerari interregionali tra siti e villaggi del patrimonio della civiltà rupestre”.

L’iniziativa è coordinata dall’Ufficio Sistemi Culturali e Turistici della Regione Basilicata, collaborano Regione Puglia , Comune di Matera, Fondazione Basilicata Matera 2019, INARCH, MIBACT, Ministero dell’Istruzione, Associazioni studentesche, UNIBAS, Circolo culturale “La Scaletta”, Istituto Comprensivo “G.Pascoli”, Istituto d’istruzione secondaria “I. Morra”, Comitato Festa della Bruna, CEA Matera, Oltre l’Arte, Associazioni guide, Camera di Commercio e Confesercenti.

Matera, 18 Settembre 2015

Per info:

Ufficio Stampa La Scaletta

e-mail : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

tel. 0835.336726

Milena Manicone

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

329.7144199

LA-SCALETTA-LOGO1 comune matera
 

COMUNICATO STAMPA

LA SCALETTA PRESENTA LE GRANDI MOSTRE NEI SASSI 2015
I mosaici di Marco De Luca protagonisti della 28^ edizione “Materia &Luce”

Sabato 20 Giugno alle ore 19.00 presso il complesso rupestre “Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci” si apre l’edizione 2015 delle Grandi Mostre nei Sassi. La rassegna annuale di scultura contemporanea, organizzata dal Circolo “La Scaletta”, quest’anno è dedicata al Maestro mosaicista ravennate Marco De Luca, artista di prestigio internazionale, impegnato da quasi 40 anni nello studio dell’arte del mosaico. Una ricerca che lo ha condotto a utilizzare la tecnica musiva con un approccio personale e innovativo, nel quale scultura e pittura risultano pienamente coinvolte.
“Materia & Luce” è il titolo scelto per la 28^edizione delle Grandi Mostre, un evento visivo unico, in cui i colori dell’antica arte musiva si fondono con l’unicità del percorso rupestre,con esiti poetici di grande suggestione.
Le 35 opere esposte sono realizzate con la tecnica del mosaico inteso quale oggetto plastico che si converte in scultura, capace di dialogare con la profondità enigmatica degli spazi espositivi che il complesso rupestre è in grado di offrire.
Dal 1987 si rinnova l’appuntamento con la scultura contemporanea nei Sassi, grazie alla passione e dedizione dei soci del circolo “La Scaletta”, che nonostante le difficoltà, in questi anni hanno dato visibilità e prestigio nazionale e internazionale alla città di Matera, con le opere di grandi artisti italiani e stranieri. Alcuni esempi sono: Pietro Consagra, Fausto Melotti, Andrea Cascella, David Hare, Ibram Lassaw e Kengiro Azuma. La scorsa edizione dal titolo “Scultura Lucana Contemporanea”ha valorizzato la produzione degli scultori lucani.
Le Grandi Mostre nei Sassi rappresentano un tassello importante nel percorso di valorizzazione del patrimonio storico- artistico della città, promosso dal Circolo. L’edizione 2015 “Materia & Luce” costituisce un evento artistico di rilievo nella prospettiva di Matera Capitale Europea della Cultura 2019.
I curatori della mostra e del catalogo sono Beatrice Buscaroli, storica dell’arte e componente del Consiglio superiore del Ministero dei Beni, delle Attività culturali e del Turismo e Bruno Bandini, storico dell’arte e dal 1989 membro dell’IKT( Associazione internazionale dei curatori d’arte contemporanea).
Il catalogo con le foto delle opere esposte è realizzato dalle prestigiose Edizioni Giuseppe Barile.
La gestione della mostra è garantita dai soci del circolo “La Scaletta” confluiti nell’impresa culturale Coop.Cave Heritage.
La mostra potrà essere visitata fino al 17 ottobre 2015 con i seguenti orari:
10.00-20.00 fino al 30 settembre
Dal 1°ottobre10-13.30; 15.00-18.00
Biglietto intero 5,00 euro, ridotto 3,50 euro.
La rassegna “Le Grandi Mostre” è promossa da Total E&P, Italcementi Group, Bawer, UnipolSai assicurazioni, con la partecipazione di Frascella forniture elettriche, Grieco collezioni Uomo Donna e Stella trasporti.
L’evento è patrocinato dal Ministero dei Beni, delle Attività culturali e del Turismo, dalla Regione Basilicata, dalla Provincia di Matera, dal Comitato Matera 2019, dalla Fondazione Zètema, dall’APT Basilicata e dalla Camera di Commercio di Matera.
Matera, 19 Giugno 2015

Per informazioni

  • Circolo “La Scaletta”

          e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo., tel. 0835.336726

  • Coop. Cave Heritage

          e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo., tel. 377.4448885

  • Ufficio Stampa La Scaletta

          Milena Manicone e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.