facebook   instagram    youtube

Il successo della rassegna  “…E quindi uscimmo a riveder le stelle” ,organizzata dal Circolo La Scaletta nella terrazza di Palazzo Lanfranchi nei mesi di luglio e agosto, si è concretizzato in un gesto di solidarietà. Una delegazione della storica associazione materana costituita dal presidente Paolo Emilio Stasi, dal socio fondatore Michele De Ruggieri e dalla socia Valentina Zattoni si è recata presso la parrocchia S.Rocco per incontrare don Angelo Tataranni e donargli un assegno destinato alla missione benefica portata avanti dal parroco. L’ atto di beneficenza è il risultato delle offerte del pubblico che ha partecipato agli incontri dedicati alla raffigurazione delle stelle nelle opere d’arte, a cura dello storico dell’arte Edoardo Delle Donne, realizzati con il patrocinio del Comune di Matera e in collaborazione con il Conservatorio “E. Duni” di Matera e la Direzione Regionale Musei della Basilicata .

<<Siamo davvero felici per l’ottimo riscontro dell’ iniziativa “…E quindi uscimmo a riveder le stelle”- ha sottolineato Stasi- un progetto che ha permesso di divulgare arte, bellezza e cultura al grande pubblico,  alimentando la solidarietà verso i più fragili e vulnerabili. Il modo giusto per ripartire e tornare a incontrarsi in sicurezza dopo i terribili mesi trascorsi in casa>>.

Don Angelo, dopo aver ringraziato per la donazione, ha sottolineato che gli atti di generosità da parte di cittadini e associazioni sono fondamentali per la sua parrocchia, durante il difficile periodo del lockdown hanno permesso il pagamento di utenze, affitti di case, medicine, generi alimentari e di prima necessità per centinaia di famiglie bisognose che si sono rivolte a lui. Infine il parroco ha evidenziato l’importante ruolo che il Circolo La Scaletta ha svolto in passato e che continua a svolgere per la Città.

Anche il Circolo La Scaletta sarà tra i protagonisti della quinta edizione del "Paese dei Libri" che si terrà a Montescaglioso (MT) dal 2 al 4 settembre 2020.
L'iniziativa culturale, ideata dal giornalista Riccardo Riccardi e dall'editore Giuseppe Bellone, coinvolgerà numerosi ospiti che, a partire dalla propria esperienza, si confronteranno sul tema "Il cammino dell'umanità al tempo di una pandemia impensata".
Per maggiori informazioni:
 
Di seguito gli appuntamenti che coinvolgeranno la nostra associazione:

Mercoledì 2 settembre ore 19.30 - Prato Abbazia
il presidente Paolo Emilio Stasi parlerà del futuro del Circolo La Scaletta.

Giovedì 3 settembre ore 19- 1° chiostro Abbazia
il socio fondatore Michele de Ruggieri ripercorrerà alcune fondamentali tappe dello storico sodalizio.

Venerdì 4 settembre ore 19-1° Chiostro Abbazia
Lo storico dell'arte Edoardo Delle Donne illustrerà i progetti futuri del Circolo La Scaletta che riguardano le arti visive.  

MATERA- Dopo il successo degli incontri precedenti si concluderà nella notte di San Lorenzo, lunedì 10 agosto, la rassegna “…E quindi uscimmo a riveder le stelle”. Dalle ore 20 nella Terrazza di Palazzo Lanfranchi brilleranno i capolavori dell’arte contemporanea ispirati alla volta celeste, da Polloch a Matisse e Chagall fino ad arrivare al cielo stellato di maioliche realizzato da Francesco Mitarotonda, che illumina la camera da letto di “Casa Ortega”, nei Sassi di Matera. Le opere, illustrate dallo storico dell’arte Edoardo Delle Donne, duetteranno con le note dei flauti dell’orchestra “Flute in Progress” composta dagli studenti del Conservatorio “E. R. Duni” di Matera. I musicisti, diretti dal Maestro Alessandro Muolo, apriranno la serata dedicata a stelle e desideri con un omaggio a Ennio Morricone e alla magia della sua musica. Ad arricchire il connubio di arte e musica ci sarà anche la partecipazione dell’attore materano Cosimo Frascella.

La rassegna “…E quindi uscimmo a riveder le stelle” è organizzata dal Circolo La Scaletta con il patrocinio del Comune di Matera, in collaborazione con la Direzione Regionale Musei della Basilicata del Mibact, e il Conservatorio “E. R. Duni" di Matera.

All’ ingresso è prevista un'offerta libera che sarà devoluta alla missione benefica portata avanti da Don Angelo Tataranni, parroco della Chiesa di San Rocco di Matera.

Per partecipare agli incontri è necessaria la prenotazione.

Per informazioni e prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.lascaletta.net

Questa mattina la città di Matera ha reso omaggio a Emilio Colombo [Potenza 1920-Roma 2013] intitolando allo statista lucano il belvedere della Chiesa di Sant’Agostino, nei rioni Sassi.

Alla cerimonia, organizzata dal Comune di Matera e dal Circolo La Scaletta, sono intervenuti: Raffaello De Ruggieri, sindaco di Matera, Giampaolo D'Andrea, assessore alla cultura del Comune di Matera, Vincenzo Viti, già parlamentare DC, Paolo Emilio Stasi, presidente del Circolo La Scaletta e Donato Verrastro, direttore Centro Studi Internazionali “Emilio Colombo”

Nel corso dell'iniziativa in memoria dello statista lucano è stato ricordato il rapporto tra Colombo e il Circolo La Scaletta, in particolare il sindaco e socio fondatore del sodalizio ha ripercorso il momento in cui, nel 1962, un gruppo di soci incontrò il politico a Potenza per illustrargli il progetto esecutivo della strada di Murgia Timone, un progetto che sbalordì Colombo, per l'intraprendenza di quel gruppo di giovani, e decise di utilizzarlo per dare inizio ai lavori. In seguito a quell'incontro, infatti, fu realizzata la strada panoramica che ancora oggi permette di raggiungere il Belvedere e ammirare la città di Matera in tutto il suo splendore.

Il presidente Stasi, invece, ha ricordato quando nel 1966 il Circolo allestì nei locali dell'ex Convento dell'Annunziata una grande mostra fotografica della ricerca sulle chiese rupestri del Materano e Colombo insieme ai soci inaugurò l'esposizione. Il ricordo di quella giornata è racchiuso in alcuni scatti della mostra "De Gasperi e Colombo per Matera" allestita presso l' Open Space Apt Basilicata, nel Palazzo Dell'Annunziata, che resterà aperta al pubblico fino al prossimo 9 agosto.

Infine il sindaco di Matera e il presidente del Circolo La Scaletta, Paolo Emilio Stasi, hanno scoperto una targa in memoria dello statista lucano, del quale quest’anno ricorrono i cento anni, nel giorno in cui s’insediò il suo governo. La targa è stata apposta in un luogo simbolo, dove il presidente De Gasperi, accompagnato da Colombo nel ruolo di sottosegretario, prese atto delle condizioni di disagio e miseria in cui si viveva nei Sassi, impegnandosi successivamente al vario della legge 619 del 1952 sul risanamento degli antichi rioni.

Si comunica che a causa delle avverse condizioni meteo la cerimonia d’intitolazione del belvedere Sant’Agostino,nei rioni Sassi di Matera, a Emilio Colombo, in programma per oggi 5 agosto alle 18, è rinviata a domani 6 agosto alle ore 12.

Ultimo appuntamento della rassegna "...E quindi uscimmo a riveder le stelle". Discorsi sulla raffigurazione delle stelle nelle opere d'arte a cura di Edoardo Delle Donne

Ospite della serata: orchestra di flauti del Conservatorio "E. R. Duni" di Matera  Flute in Progress che eseguirà un omaggio a Ennio Morricone.

Info e prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Informazioni aggiuntive

  • Luogo Terrazza di Palazzo Lanfranchi Piazzetta Pascoli- MATERA
  • Data inizio 10-08-2020
  • Ora 20.00

 

Giovedì 6 agosto alle 12 la città di Matera renderà omaggio a Emilio Colombo [1920-2013] con la cerimonia d’intitolazione del belvedere nei pressi della Chiesa di Sant’Agostino, nei rioni Sassi, allo statista lucano.

Alla cerimonia, promossa dal Comune di Matera e dal Circolo La Scaletta, interverranno:

Raffaello De Ruggieri, sindaco di Matera, Giampaolo D'Andrea, assessore alla cultura del Comune di Matera, Vincenzo Viti, già parlamentare DC, Paolo Emilio Stasi, presidente del Circolo La Scaletta e Donato Verrastro, direttore Centro Studi Internazionali “Emilio Colombo”

A seguire vi sarà lo scoprimento di una targa in memoria di Emilio Colombo per ricordare, in un luogo simbolo, il suo importante ruolo per il riscatto di Matera. Colombo, esponente di rilievo della Democrazia Cristiana e protagonista della storia italiana del secondo Novecento, nasce a Potenza l’11 aprile 1920, a 26 anni viene eletto all’Assemblea Costituente e due anni dopo, nel 1948, ha la sua prima responsabilità di governo, come sottosegretario all’Agricoltura, nel quinto governo De Gasperi. Comincia, così, la sua lunga carriera politica, più volte ministro e presidente del Consiglio dal 1970 al 1972, deputato per undici legislature e per tre senatore a vita. Altrettanto importante è la sua carriera europea, eletto presidente del Parlamento europeo per la prima volta nel 1977, viene confermato nel marzo del 1979, anno durante il quale ritira anche il prestigioso premio "Carlo Magno", assegnato all'uomo politico europeo che ha maggiormente contribuito al processo di integrazione comunitaria. Muore a Roma nel 2013 a 93 anni. Per Matera, tra gli altri, ricordiamo il suo importante contributo per la soluzione del problema dei rioni Sassi, con l’approvazione della legge 619 del 1952, che De Gasperi gli chiese di scrivere, la nascita dei nuovi quartieri, che poi Colombo venne personalmente a inaugurare, fino al varo della legge 771 del 1986, per la conservazione e recupero degli antichi rioni, di cui fu il primo firmatario. Un tassello di storia cittadina che è stato ripercorso attraverso documenti, fotografie d’archivio e testimonianze video nella mostra “De Gasperi e Colombo per Matera”, organizzata dal Circolo La Scaletta e inaugurata lo scorso 23 luglio, presso Basilicata Open Space nel Palazzo Dell’Annunziata, in occasione del 70° anniversario della prima visita di Stato a Matera dell’allora presidente del Consiglio Alcide De Gasperi. L’esposizione dedicata ai due statisti, aperta al pubblico dalle 10-13.30 e 16-20, si concluderà il prossimo 5 agosto con l’omaggio a Emilio Colombo.

MATERA-Sarà Carlo De Ruggieri ad aprire il terzo incontro della rassegna “…E quindi uscimmo a riveder le stelle” che torna lunedì 3 agosto alle 20 nella Terrazza di Palazzo Lanfranchi. L’attore materano interpreterà “La distanza della Luna”, tratto da “Le Cosmicomiche” di Italo Calvino, il primo dei racconti fantascientifici dedicati all’universo dal celebre scrittore. Un capolavoro letterario che dialogherà con le opere di artisti contemporanei come Mirò, Klee e Munch ispirate all’ amore e alla volta celeste e come di consueto illustrate dallo storico dell’arte Edoardo Delle Donne, ideatore della rassegna.

Carlo De Ruggieri, ospite della terza serata, ha debuttato nel cinema con i Fratelli Taviani ne "Il Sole anche di notte" e nel successivo "Fiorile"; lavorando, tra gli altri, con Luca Vendruscolo in "Piovono Mucche", Giacomo Ciarrapico in "Eccomi qua", Silvio Soldini in "Agata e la tempesta". Tra le esperienze cinematografiche ricordiamo anche l’ultimo film girato da Ettore Scola "Che strano chiamarsi Federico", "Se Dio vuole" di Eduardo Falcone,  "Lasciati Andare" di Francesco Amato e  "Metti la nonna in freezer" di Giuseppe G. Stasi e Giancarlo Fontana . In teatro ha partecipato agli spettacoli "Tutto a Posto" e "L'Ufficio" di Giacomo Ciarrapico e Mattia Torre, "Blues" di Tennessee Williams con la regia di Pierpaolo Sepe, "Il Giuoco delle parti" di Luigi Pirandello con la Compagnia di Umberto Orsini, ed è interprete dei monologhi "Stare meglio oggi" di G. Ciarrapico e “Ogni bellissima cosa” di Duncan Macmillan per la regia di Monica Nappo. Nelle ultime stagioni è stato fra i protagonisti dello spettacolo "4 5 6" di Mattia Torre, di cui ha interpretato anche il sequel tv in onda nel programma di Serena Dandini "The show must go off". Dal 2007 al 2010 è stato fra gli interpreti, nel ruolo di “Lorenzo”, delle serie tv "Boris" e di "Boris-Il film" di Ciarrapico, Torre, Vendruscolo. Tra gli ultimi lavori ricordiamo la serie tv “Imma Tataranni” di Francesco Amato e “Liberi Tutti” di G.Ciarrapico e  L.Vendruscolo.

                                            

Gli appuntamenti sotto le stelle sono organizzati dal Circolo La Scaletta con il patrocinio del Comune di Matera, in collaborazione con la Direzione Regionale Musei della Basilicata del Mibact, e il Conservatorio “E. R. Duni" di Matera.

La rassegna “…E quindi uscimmo a riveder le stelle” si concluderà lunedì 10 agosto con il concerto dell’orchestra di flauti del Conservatorio “E. R. Duni” di Matera Flute in Progress.

È prevista un'offerta libera che sarà devoluta alla missione benefica portata avanti da Don Angelo Tataranni, parroco della Chiesa di San Rocco di Matera.

Ingresso ore 20.00 con inizio alle 20.30.

Per partecipare agli incontri è necessaria la prenotazione.

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Dopo il successo della serata d’esordio, lunedì 27 luglio alle 20 nella Terrazza di Palazzo Lanfranchi torna “…E quindi uscimmo a riveder le stelle”, l’iniziativa dedicata alla raffigurazione delle stelle nelle opere d’arte, a cura di Edoardo Delle Donne. La seconda serata vedrà la partecipazione dell’orchestra di flauti “Flute in progress”, diretta dal Maestro Alessandro Muolo, formata dagli studenti. del Conservatorio di “E. R. Duni” di Matera. I capolavori di Van Gogh, come Notte stellata sul Rodano 1888 e Cielo stellato 1889, e di altri celebri artisti, illustrati dallo storico dell’arte Delle Donne, duetteranno con le note di Vivaldi e altri autori, come Boyce, Chaminade, Faurè e Gossec, eseguite dai giovani flautisti. Un connubio di arte e musica introdotto dalla voce narrante dell’attore materano Cosimo Frascella.

L’orchestra “Flute in progress” chiuderà il ciclo d’incontri “E quindi uscimmo a riveder le stelle” il prossimo 10 agosto, con un omaggio al Maestro Ennio Morricone.

Gli appuntamenti sotto le stelle sono organizzati dal Circolo La Scaletta con il patrocinio del Comune di Matera, in collaborazione con la Direzione Regionale Musei della Basilicata del Mibact, e il Conservatorio “E. R. Duni" di Matera.

All’ingresso è prevista un'offerta libera che sarà devoluta alla missione benefica portata avanti da Don Angelo Tataranni, parroco della Chiesa di San Rocco di Matera.

L’ingresso è previsto alle ore 20.00 con inizio alle 20.30.

Per partecipare agli incontri è necessaria la prenotazione.

Per informazioni Circolo La Scaletta

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; 0835.336726

 

È stata inaugurata questa mattina presso l’Open Space dell’Apt Basilicata, nel Palazzo dell’Annunziata di Matera, la mostra “De Gasperi e Colombo per Matera. Racconto tra immagini e memorie”, organizzata dal Circolo La Scaletta. L’esposizione è stata aperta al pubblico in occasione del 70° anniversario dalla prima storica visita nella città Matera del presidente del Consiglio, Alcide De Gasperi, accompagnato, tra gli altri, dal giovane sottosegretario lucano, Emilio Colombo. Un anniversario ricordato in un incontro pubblico presso il Cineteatro Guerrieri, che ha portato alla sottoscrizione, nel nome di De Gasperi, del patto di amicizia tra la città di Matera e la città di Trento e il patto di gemellaggio con la Provincia autonoma di Trento. A seguire vi è stato il taglio del nastro della mostra con il vicesindaco di Trento, Maria Chiara Franzoia e il vicepresidente della Provincia di Trento, Mario Tonina, il sindaco di Matera, Raffaello De Ruggieri, l’assessore alla cultura del Comune di Matera, Giampaolo D’Andrea e il presidente del Circolo La Scaletta, Paolo Emilio Stasi. Il percorso espositivo testimonia attraverso trenta pannelli fotografici, giornali d’epoca, documenti e alcuni filmati l’importante ruolo svolto dai due statisti nell’affrontare il gravoso problema dei rioni Sassi e per il riscatto della città di Matera e della Basilicata. Scorrendo le immagini e i titoli dei giornali in mostra è possibile rivivere l’emozione dell’inaugurazione del Borgo La Martella, fino alla consegna degli alloggi nei nuovi rioni, come Serra Venerdì, assegnati ai cittadini che vivevano in condizioni di miseria nei rioni Sassi, fino agli scatti della cerimonia d’inaugurazione del monumento dedicato a De Gasperi nel 1971, presieduta da Emilio Colombo, in visita ufficiale nella città da presidente del Consiglio. Una sezione, invece, è interamente dedicata al rapporto tra il Circolo La Scaletta e Emilio Colombo, con gli scatti realizzati nel 1966 in occasione dell’inaugurazione della mostra di pannelli fotografici sulle chiese rupestri nel Materano, presso il Circolo Unione.

Nel corso dell’inaugurazione, a cui hanno preso parte vari rappresentanti delle istituzioni locali, è stato proposto un contributo audio inedito, messo a disposizione dalla collezione Vinciguerra, dell’incontro tra una delegazione materana, accompagnata dal senatore Schiavone e dal sottosegretario Colombo, e De Gasperi, all’indomani dell’approvazione della legge sul risanamento dei Sassi. Il presidente, dicendosi commosso per la visita di ringraziamento, esorta tutti a lavorare per assicurare ai propri figli delle case piene di luce e aria.

La mostra resterà aperta al pubblico fino al prossimo 5 agosto, concludendoci con lo scoprimento di una targa dedicata a Emilio Colombo, sul Belvedere della piazza antistante la chiesa Sant’Agostino, nei rioni Sassi. L’iniziativa rientra nelle celebrazioni per il centenario del politico lucano.

L' esposizione è stata realizzata con il patrocinio del Comune di Matera, della Provincia e Comune di Trento e in collaborazione con Apt Basilicata, Centro studi internazionali "Emilio Colombo", Tv 2000, Trm Network, Fondazione Trentina "Alcide De Gasperi", Biblioteca provinciale "T. Stigliani" di Matera, Circolo culturale "Silvio Spaventa Filippi" di Potenza, l' archivio Notarangelo, la collezione Vinciguerra e la collezione Gallo.

Orari mostra

Lun-dom: 10-13.30/16-20

Ingresso libero

Pagina 1 di 24

Social

facebook     instagram     youtube

newsletter

 

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notizie dal Circolo "La Scaletta" sulla tua posta elettronica.