facebook   instagram    youtube

Denatalità e migrazione dei giovani laureati, sono questi i temi da cui è partita la riflessione sul futuro di Matera e del territorio lucano dopo il 2019, promossa nei giorni scorsi dal presidente del Circolo La Scaletta, Paolo Emilio Stasi, che ha invitato nella sede associativa, in via Sette Dolori n.10, alcuni rappresentanti di associazioni e ordini professionali per un primo confronto sul tema.  All’incontro sono intervenuti, Carmine Cocca, presidente dell’Ordine dei dottori agronomi e forestali della provincia di Matera, Leo De Finis, presidente dell’Ordine degli architetti P.P.C. della provincia di Matera, Filippo Cristallo, consigliere dell’Ordine dei Geologi della Basilicata, Lorenzo Rota, presidente del Centro Carlo Levi di Matera, Gianni Pisicchio, presidente della sezione di Matera di Italia Nostra, il vicepresidente, Francesco Vizziello, e i soci del Circolo La Scaletta, Michele De Ruggieri, Nicola Savino, Enzo Matera, Bruna Ponte e Ida Riccardo.

<<Il confronto nasce dall’obiettivo- ha sottolineato Stasi -di ritornare ai principi ispiratori del Circolo. Discutere e approfondire tematiche socio-economiche, ambientali e pianificatorie della regione nell’ambito di alcuni gruppi di lavoro che dovranno fungere da “sentinella del territorio” e produrre un documento di proposte che potrà essere da stimolo per gli Enti decisori. Un tavolo aperto con professionisti e realtà associative del territorio - ha continuato il presidente – in grado di fare sintesi e dialogare con Comune, Provincia e Regione, per creare i presupposti di un reale sviluppo che possa fermare l’emorragia di giovani che non trovano “dignità professionale” in Basilicata>>.

Dal confronto con i rappresentanti degli Ordini professionali e delle associazioni è emersa una regione priva di giovani, di un’idea di futuro e di una classe dirigente, una Basilicata impoverita, che sta pagando il conto altissimo di una politica di mancata programmazione degli ultimi trent’ anni. Una regione che investe in formazione attraverso l’Università, la Scuola di Restauro e prossimamente anche la sede distaccata del Centro sperimentale di Cinematografia, ma non riesce trattenere sul territorio le professionalità che ha formato.

Al centro delle riflessioni le infrastrutture, l’ambiente, i rapporti difficili con Potenza e la vicina Puglia, l’inadeguatezza e la difficoltà d’interlocuzione con la parte politica delle amministrazioni locali.

Molte e varie proposte sono arrivate da tutti i partecipanti concordi sul fatto che nessuno può sottrarsi a dare il proprio contributo in questo momento di grande difficoltà.

Alla fine dell’incontro si è deciso di pianificare una serie di appuntamenti, che verranno comunicati nei prossimi giorni, per definire i gruppi di lavoro e individuare i temi, le criticità e gli obiettivi sui quali lavorare. L’invito a partecipare è esteso a tutte le  associazioni e cittadini che vorranno dare il proprio apporto.

Per  informazioni è possibile contattare la segreteria del Circolo La Scaletta  

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; tel. 0835.336726

 

tavola rotonda al Circolo La Scaletta

Il presidente Paolo Emilio Stasi e i soci del Circolo La Scaletta di Matera condannano fermamente il vile atto vandalico che questa mattina ha gravemente danneggiato l’auto del consigliere regionale della Basilicata, Roberto Cifarelli, ed esprimono solidarietà e vicinanza nei confronti dell’esponente politico. “Un atto grave e molto preoccupante per la nostra città- ha commentato Stasi- che deve essere respinto con forza e unire la nostra comunità contro chi usa qualsiasi forma di violenza e intolleranza per esprimere il proprio dissenso”.

Si comunica che l’evento “Matera ricorda Fellini a 100 anni dalla nascita”, organizzato dal Circolo La Scaletta, in programma il prossimo 27 febbraio presso il cinema “Il Piccolo” di Matera è rinviato a data da destinarsi. La decisione è stata presa in via del tutto precauzionale, in considerazione dell’ordinanza emanata dalla Regione Basilicata e delle disposizioni previste dalla Regione Puglia, per prevenire l’ evolversi della diffusione del Coronavirus, che sta avvenendo in queste ore in alcune regioni del territorio nazionale.

locandina centenario Fellini

Informazioni aggiuntive

  • Luogo Cinema Il Piccolo Matera
  • Data inizio 27.02.2020
  • Ora 18.00

All’unanimità e per alzata di mano l’Assemblea dei soci del Circolo La Scaletta, riunita presso la sede associativa di via Sette Dolori n.10, il 24 gennaio, ha eletto presidente l’architetto Paolo Emilio Stasi, che guiderà lo storico sodalizio fino al 2023. Salentino di nascita e materano d’adozione, Stasi prende il posto dell’ingegnere Francesco Vizziello che ha aperto l’incontro con una ricca relazione in cui ha illustrato le numerose iniziative culturali, in totale 52, svolte nel biennio 2018-2019, durante la sua presidenza. Tra queste ricordiamo la mostra “Salvador Dalì. La persistenza degli Opposti”, allestita presso il Complesso rupestre “Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci”, che ha avuto un boom di visitatori da tutto il mondo, ben 95.000, e proseguirà per tutto il 2020, l’ emozionante momento delle celebrazioni per i 60 anni del Circolo La Scaletta presso il Cine-teatro “Guerrieri”, oltre al recupero e riapertura al pubblico di due importanti contenitori culturali nel cuore della Città, gli Ipogei Motta, in via san Bartolomeo 46, e la sede originaria del Circolo La Scaletta, in via Lucana n.9, ribattezzata “La Scaletta Old”. L’Assemblea ha ringraziato Vizziello consegnandogli lo storico premio “uniti a Fccilatid”, destinato ogni anno al socio che più si è distinto per l’attività svolta.

Il passaggio di testimone è avvenuto all’insegna di un unico obiettivo, attrarre un maggior numero di giovani, attraverso il coinvolgimento di scuole e Università e l’istituzione di borse di studio e premi per gli studenti più meritevoli.

“Infrastrutture, ambiente, investimenti per il territorio sono i temi che animeranno l’attività e le riflessioni del Circolo nei prossimi mesi- ha dichiarato il neopresidente Stasi- non possiamo continuare ad assistere alla fuga dei nostri giovani in cerca di una dignità professionale altrove”.

Rinnovato anche il Consiglio Direttivo che sarà composto da Francesco Vizziello, nel ruolo di vicepresidente, e nove consiglieri: Teresa Barbaro, Antonio Brunetti, Edoardo Delle Donne, Emanuele Frascella, Franco Di Pede, Giuseppe Mitarotonda, Anna Pagliei, Bruna Ponte e Savino Nicola a cui si aggiungono i tre sindaci revisori: Nicola Grande, Vincenzo Padula e Nicola Ricciardi.

Il presidente, Francesco Vizziello, il consiglio direttivo e i soci del Circolo La Scaletta esprimono grande soddisfazione per l’istituzione del Museo nazionale di Matera, che è tra i sette nuovi musei autonomi introdotti dal decreto di riorganizzazione del Mibact, che prevede anche il ripristino della Soprintendenza archivistica della Basilicata e del Polo museale lucano.

“Un importante risultato per Matera, Capitale europea della cultura, e per tutta la Basilicata -ha commentato Vizziello- che corona e consolida il percorso di crescita e sviluppo del nostro territorio.  Un giusto riconoscimento al valore dello straordinario patrimonio storico-artistico e archivistico regionale, che non poteva essere assolutamente mortificato da mere logiche economiche, che nell’ottica di accorpamento dei Poli museali regionali del precedente governo, non consideravano il fondamentale ruolo svolto dalla presenza di presidii istituzionali sul territorio per la valorizzazione delle specificità culturali di una città come Matera e della Basilicata. Una riforma ingiusta che come Circolo La Scaletta abbiamo contestato.

Con il nuovo regolamento del Mibact presentato dal ministro Franceschini- ha concluso il presidente- è stato intrapreso un percorso virtuoso per la regione, nel solco delle attività svolte da sessant’anni dal nostro sodalizio per il territorio lucano”.

S’inaugura sabato 30 novembre alle 18.30 al Circolo La Scaletta di Matera,in via Sette Dolori 10, la mostra “Guerricchio e la Stamperia Tomacelli, che propone una collezione di cinquanta opere grafiche e disegni realizzati dall’artista materano tra il 1977 e il1996, anno della sua improvvisa scomparsa. Le opere per molti anni sono state raccolte e custodite da Lina, proprietaria insieme a suo marito Lorenzo della Stamperia d’Arte Tomacelli di Cerignola, in provincia di Foggia, che Luigi Guerricchio, per gli amici Ginetto, ha frequentato per vent’anni. Dopo la morte di Lina la raccolta è stata ritrovata, quasi per caso, dai figli Antonio, Rita, Giuseppe e Mimmo Tomacelli che, con i soci del Circolo La Scaletta, hanno voluto organizzare un’esposizione che ripercorre la storia di una profonda amicizia, una storia di arte e vita che finalmente può essere raccontata. La mostra, aperta al pubblico fino al 12 gennaio 2020, comprende anche vari lucidi e lastre, che permettono di comprendere le varie fasi di realizzazione di un’opera grafica. Nel percorso espositivo i Sassi, le donne e il mondo contadino, alcuni dei temi più cari a Guerricchio, straordinario interprete di Matera e del Meridione.

Guerricchio (facendo sua la lezione degli antichi)- ha sottolineato Edoardo Delle Donne, curatore della mostra, - aveva ben compreso che l’arte poteva (doveva!) nobilitare la vita, e che la bellezza, sebbene non nella sua accezione più classica, bensì intesa piuttosto come valore morale, avrebbe restituito dignità ad una storia (quella della sua terra) ingrigita ed oscurata dall’oblìo”.

Alla serata inaugurale dopo i saluti di Francesco Vizziello, presidente del Circolo La Scaletta, interverranno Raffaello De Ruggieri, sindaco di Matera, Antonio Guerricchio, nipote del pittore, Edoardo Delle Donne, curatore, e Antonio Tomacelli, serigrafo.

 

 

 

Dal 27 novembre all’ 8 dicembre 2019 gli Ipogei Motta di Matera, in via San Bartolomeo 46, ospiteranno l’iniziativa “Occhi, Riflessi dell’Anima”, promossa da A.I.R.O. Associazione italiana Rinnovamento in Oculistica Onlus, per sensibilizzare sull’importanza della prevenzione contro il rischio di glaucoma e altre malattie degli occhi.

A.I.R.O. Onlus è stata fondata nel 2004 da Vincenzo Orfeo, Direttore dell’Unità Operativa di Oculistica della Clinica Mediterranea di Napoli e Professore presso la Scuola di Specializzazione in Oculistica dell'Università di Trieste, per migliorare l’assistenza dei pazienti affetti da patologie oculari. L’associazione ha al suo attivo numerose attività di beneficenza in Italia e all’estero e 12 missioni umanitarie nelle zone più povere e disagiate dell’Africa dove, grazie al 5 per mille, sono stati allestiti ambulatori e sale operatorie per aiutare tanti pazienti, bambini e anziani, a recuperare il bene prezioso della vista. L’importante attività svolta da A.I.R.O. onlus nel continente africano sarà raccontata nei suggestivi spazi degli Ipogei Motta attraverso le fotografie di Gianpaolo Miniello e i documentari di Valerio Orfeo. Inoltre tutti i giorni, dalle 11 alle 19, vi sarà la proiezione del documentario “Sarimihetsika”(2018) del regista Enrico Iannaccone, vincitore del Premio David di Donatello nel 2013.

Nei week-end dell’iniziativa, sabato 30 novembre e 7 dicembre e domenica 1 e 8 dicembre, dalle 11 alle 13 e dalle 15 alle 19 si eseguiranno le misurazioni gratuite della pressione oculare per far comprendere quanto sia fondamentale l’attività di prevenzione contro il rischio di glaucoma. Il glaucoma è una malattia degli occhi che aggredisce in modo progressivo ed irreversibile il nervo ottico, senza dare sintomi nella fase iniziale, e può portare alla cecità. Con un semplice gesto come la misurazione della pressione oculare, un esame non invasivo che dura un minuto, è possibile sapere in anticipo se c’è il rischio di sviluppare la malattia, prevenendo i danni alla vista.

Per sottolineare il valore dell’iniziativa la mattina del 7 dicembre vi sarà anche la partecipazione di Vito Bardi, presidente della Regione Basilicata.

L’iniziativa è organizzata dall’Associazione Italiana Rinnovamento in Oculistica Onlus, in collaborazione con il Circolo La Scaletta e Fiof - Fondo internazionale per la fotografia, con il patrocinio della Regione Basilicata e il Comune di Matera.

Informazioni aggiuntive

  • Luogo Ipogei Motta via San Bartolomeo 46 Matera
  • Data inizio 27.11.2019
  • Ora 11-19
  • Data fine Domenica, 08 Dicembre 2019

Informazioni aggiuntive

  • Luogo Circolo La Scaletta via Sette Dolori 10 Matera
  • Data inizio 30.11.2019
  • Ora ore 18.30
  • Data fine Domenica, 12 Gennaio 2020
Pagina 1 di 23

Social

facebook     instagram     youtube

newsletter

 

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notizie dal Circolo "La Scaletta" sulla tua posta elettronica.